MADINA Black pot eyeliner [review]

Ciao! Taaanti mesi orsono ho acquistato questo eyeliner in gel nero di MADINA MILANO {haul: click!} di cui oggi mi appresto a scriverne la reviù.

Si presenta in una jar in solida plastica trasparente con tappo a vite grigio (che un pochino si rovina – effetto gratta&vinci– dopo molti utilizzi ma per me non è un problema!)  contenuta insieme ad un mini mini pennello angolato in una bustina trasparente.

La jar contiene 3 g | 0,10 Oz di prodotto, protetto da un “sottotappo” in plastica trasparente che impedisce all’aria di entrare in contatto con il prodotto anche nel caso in cui non si avviti subito il tappo grigio.  Il PAO è di 24 Mesi, io lo uso da gennaio quasi tutti i giorni (4/5 volte a settimana) ed è ancora ad 1/3 abbondante della quantità originaria (le foto non sono recenti).

Cercavo un eyeliner nero in gel e quando ho trovato in negozio questo, conoscendo la qualità di questo brand, non ci ho pensato due volte a comprarlo (costa 5,95€) ed ho fatto un ottimo acquisto!

Il pennello incluso nella confezione è buono per quanto riguarda la compattezza ed il taglio delle setole ma non è praticissimo data la dimensione (lunghezza totale setole + impugnaura: 4 cm) ma è perfetto per i piccoli ritocchi oppure, eventualmente, da tenere in borsetta! Personalmente utilizzo questo eyeliner con i pennelli “classici”, quasi sempre con il Fine Liner #315 di ZOEVA:

Prima di applicarlo sulle palpebre ne prelevo una piccola quantità e la “scaldo” per pochi secondi sul dorso della mano: il tratto è preciso, l’applicazione scorrevole, il colore intenso e pigmentato!

Dura diverse ore: quasi tutti i giorni mi trucco la mattina e mi strucco la sera, questo eyeliner rimane lì dove l’ho applicato diverse ore prima!

L’ho utilizzato anche come base per ombretto e la tenuta è stata ottima!

Insomma, sono molto soddisfatta di questo eyeliner, il rapporto qualità/prezzo è ottimo: se lo trovate nei negozi…prendetelo!

KIKO Chic Chalet: le mie impressioni sulla collezione autunno/inverno 2011

Ciao! Sono appena tornata da un “giro di perlustrazione” a KIKO, nello store in cui sono andata (ho comprato altri ombretti mono approfittando della promozione e quindi pagandoli ognuno 3€) era già esposta la nuova collezione autunnale/invernale Chic Chalet:

immagine tratta dal sito kikocosmetics.com

Da qualche collezione a questa parte, ho notato che il mio “modus operandi” per evitare acquisti compulsivi funziona così: appena una nuova edizione limitata è disponibile vado nel negozio una prima volta e dò una prima occhiata a tutti i prodotti, soffermandomi a quelli che più mi interessano non acquistando niente, a casa penso a quali non sarebbero “doppioni” o finirirebbero poco utilizzati e qualche giorno dopo torno al negozio e compro. In questo modo evito acquisti “inutili” (anche se da brava junkie non sono mai inutili!) e non cedo alla tentazione! Ovviamente ho la fortuna di fare ciò perchè ho diversi store vicini.

In questo breve articolo vorrei condividere le mie impressioni su questa collezione, di cui ho scritto l’anteprima {qui}.

Il packaging è molto elegante ed adorabile, d’altronde KIKO ci ha abituate bene! 🙂

Tra i vari prodotti (erano quasi tutti disponibili) mi sono soffermata su:

immagine tratta dal sito kikocosmetics.com

Le ho swatch-ate TUTTE e 6. Essendo questi ombretti cotti è possibile utilizzarli sia asciutti che bagnati. Io ho testato i colori da asciutti e sono tutti molto pigmentati e scriventissimi, anche solo con una leggera passata! I nomi sono lunghi ed impronunciabili come le palette della Electric Town 2010 😉 ! Adoro quelle che meno pensavo potessero piacermi ovvero la 01 e la 03 e confermo che la 05 è davvero stupenda (a mio gusto)! Quello che mi frena è il prezzo, infatti ogni palette costa 12,90€ per 2,4 g di prodotto (in totale), un PAO di soli 6 mesi e una confezione grande quanto il palmo di una mano.  Insomma dal mio punto di vista è un prezzo un po’ alto per 4 cialde di colore che non sono poi enormi, è vero che la qualità sembra ottima però non dimentichiamo che KIKO è nato come brand per tutte le tasche e negli ultimi tempi sta diventando un po’ caro…

immagine tratta da kikocosmetics.com

Devo ammettere che pensavo che questo “fluido illuminante in penna” (2 le tonalità) fosse una pacchianata assurda. Invece no! Tutto sommato sono entrambe molto discrete. Personalmente se acquisterò la 02 Coral shimmer lo farò quando sarà scontata (non è per me un prodotto necessario).

immagine da kikocosmetics.com

Tanti cuoricini per questi eyeliner! Innanzitutto la punta dell’appicatore è in feltro (e personalmente la preferisco!!!) ed i colori sono tutti meravigliosi e scintillanti. L’unico colore che mi ha lasciata un po’ perplessa è il 01 Red berry che è un colore piuttosto acceso (ma è l’unico senza brillini). La texture di questi eyeliner mi sembra un po’ fluida (tranne che quella del 02 Flash violet). Se potessi economicamente permettermelo li comprerei tutti, tranne il rosso ed il nero.

immagine da kikocosmetics.com

6 nuove tonalità di smalti, tutte perlate e scure. Ci sono un paio di colori davvero carinissimi!

Al prossimo “raid” mi soffermerò sui prodotti per il viso (blush, terre,  ciprie) e labbra (gli innovativi rossetti liquidi ed i gloss in stick). Se vi interessa, aggiornerò il post con le mie impressioni anche su questi prodotti!

aggiornamento 9 agosto 2011:

Secondo “giro di perlustrazione” 😉 Oggi ho focalizzato la mia attenzione su:

Silky touch bronzer - immagine da kikocosmetics.com

Questa terra duo cotta abbronzante è disponibile in 2 colorazioni: una più rosata e l’altra che tende più al beige: questo permette di scegliere quella che più si adatta al proprio sottotono di pelle. Il finish è satinato, quindi rimane luminosa, cosa da tenere presente se si fa il contouring (va a gusto personale).

ADJUSTABLE COLOUR BLUSH - immagine da kikocosmetics.com

Questo blush cotto è disponibile in 4 tonalità non particolarmente innovative. Ciò che è innovativo è la sua formula  “completamente priva di talco, oli, parabeni e profumo” (citazione dal sito). La cialda del prodotto è divisa in due parti tono su tono: una più chiara ed una più scura. Il colore più particolare è il #04 Sumptuous Burgundy che credo possa essere particolarmente adatto alle ragazze nere (se così non fosse, ditemelo così evito di avere una convinzione sbagliata). Se così fosse, apprezzo molto l’attenzione data a questo tipo di carnagione. Anche per questo prodotto la nota negativa è il prezzo (non ricordo quantità e PAO): 9.90€!

SILKY TOUCH POWDER - immagine dal sito kikocosmetics.com

La cipria cotta illuminante è disponibile in due varianti di colore: una più rosata ed una più “giallognola”. Anche in questo caso la forma della cialda del prodotto è divisa in due parti tono su tono. Per quanto luminosa e facilmente modulabile, 13,90€ sono a mio avviso esagerati se si pensa che nella collezione primaverile Kaleidoscopic Optical Look {qui} di pochi mesi fa il blush+terra aveva lo stesso prezzo.

HYPER GLOSS STYLO - immagine da kikocosmetics.com

Lucidalabbra in stylo effetto bagnato dal finish semitrasparente brillante”: concordo con il sito! 😛 Il prodotto secondo me è sempre lo stesso delle ultime collezioni, ma con un diverso packaging. Resta il fatto che adoro questo tipo di lipgloss in stylo. Le tonalità disponibili sono 6 (un pesca, 2 rossi, un rosa scuro, taupe ed un viola). Prima di acquistarne un paio vorrei capire quanto durano sulle labbra.

ULTRA LIGHT MAT LIPSTICK - immagine da kikocosmetics.com

Il pezzo forte della collezione! Ho swatch-ato tutte e 6 le tonalità disponibili (sul sito ce ne sono 5 ma a me sembra di averne provati 6…mah!) sul polso, l’applicazione è “setosa” ed il finish di questi rossetti liquidi matte. Dopo la “swatch-ata” (massì, coniamo neologismi a caso! :-P) ho rimosso il tutto utilizzando le salviette Pure Clean (quelle nella confezione blu) e…ho dovuto strofinare per togliere questi rossetti (e l’alone è un po’ rimasto): questo mi porta a pensare che siano molto duraturi! 

Qualcun* di voi ha già visto “dal vivo” la collezione? Che cosa ne pensate? Qual è il prodotto che non vi lascerete sfuggire?

Review ESSENCE Cream Eyeliner Palette – Whoom Booom! limited edition

Ciao! Qualche giorno fa mi è stata chiesta un’opinione in merito a questa mini-palette  {in edizione limitata} di eyeliner in crema firmata ESSENCE e venduta in questi giorni nelle OVS/COIN concessionarie del brand.

Caratteristiche del prodotto:

  • unica variante disponibile –> 01 Kawoom – colori: avorio, verde (con shimmer-osità dorate -ma quasi impercettibi-), blu, grigio scuro (shimmer)
  • quantità: 3,9 g | 0.13 oz
  • pennellino incluso nella confezione
  • PAO 12 Mesi
  • prezzo: 3.49 €
  • Packaging in cartone ma resistente, chiusura a calamita, dimensioni ridotte (circa 10,5×4,5xo,5 cm). Ogni cialda di colore è un quadrato di 2 cm.

Che cosa ne penso:

Nonostante avessi grandi aspettative, non ho un’opinione totalmente negativa di questa palette. La sto utilizzando da una settimana, ho provato tutti i colori eccetto l’avorio, applicandoli con il fine liner 315 di ZOEVA. La palette è provvista di un mini pennello, che dovrebbe essere da eyeliner, ma fa pietà. Infatti, le setole sono troppo morbide, per nulla compatte, ed è “spesso”. Insomma, cestinato.

Per quanto riguarda i colori, sono abbastanza vivaci, l’immagine che si trova sul sito ufficiale è veritiera. Al tatto risultano cremosi, la stesura non è difficoltosa, ma perchè il colore si noti la linea va ripassata un paio di volte.

Per quanto riguarda la durata, dopo qualche ora dall’applicazione il colore sbiadisce un po’ ma NON svanisce: ho provato il verde da solo, senza base, mentre il blu e il grigio scuro li ho applicati sopra un ombretto (entrambi ESSENCE e sopra l’ Eye Primer di ZOEVA: nel primo caso BLU+ombretto mono #03 Muse Marilyn-Whoom Booom! T.E., nel secondo GRIGIO SCURO+ombretto mono #19 Disco Diva). Di queste varie prove ho fotografato solo l’ultima (al mattino sono sempre di fretta in ritardo!):

Ho pensato di utilizzare questi eyeliner come base colorata per ombretto: ho su il verde e il blu da quando ho iniziato a scrivere e le mie palpebre sono già a strisce: bocciati come base!

In sostanza, la palette costa 3,49€ e questo vale. Io l’ho presa per avere dei colori di eyeliner “particolari”, che non utilizzo spesso ma che fa sempre comodo avere e che non comprerei “full size” di qualsiasi marca. Consiglio quindi l’acquisto di questa palette solo a chi ne farebbe un uso come il mio (ovvero sporadico).

Credo di aver segnato tutte le info utili, ma se ci sono domande dite pure! 🙂

ESSENCE Metal Glam Eyeliner #03 Pretty cool & #04 Techno girl: “secondo me prodotti NO”

Ciao! “Secondo me…Prodotti NO” sono gli eyeliner ad effetto metallico #03 e #04 di ESSENCE. Preciso che la mia personale opinione negativa si riferisce esclusivamente a queste due colorazioni, che posseggo e quindi ho potuto testare. Infatti questo prodotto è disponibile in 5 varianti di colore:

Caratteristiche del prodotto:

4 ml| 0.1 fl.oz

applicatore a pennellino/setole

– da utilizzare entro 6 mesi dall’apertura

2,99 €

– la confezione è dello stesso colore dell’eyeliner

Gli eyeliner che boccio e sconsiglio per due motivi opposti sono

#03 Pretty cool & #04 Techno girl:

il primo eccessivamente waterproof mentre il secondo troppo poco scrivente.

Tre le varie colorazioni ho scelto di acquistare queste  due perchè trovo i colori favolosi. Purtroppo dopo averli provati il mio entusiasmo si è smorzato 😦

#03 Pretty cool: verde brillante, effetto poco metalizzato a dir la verità, la consistenza e il pennellino fanno sì che il prodotto si stenda molto bene e in modo preciso. PRODOTTO NO PERCHE’ è quasi impossibile da togliere! Ad onor del vero, sulla confezione è riportata (specificatamente, sull’altro MetalGlamEyeliner che ho non c’è) la dicitura “extreme long-lasting”…sì ma così è davvero troppo! Non sono una “fanatica” degli INCI, ma la difficoltà che ho riscontrato nello struccare l’occhio mi trattiene dall’utilizzare ancora questo prodotto.

Per spiegarmi meglio ecco la foto dello swatch della foto precedente dopo aver sfregato il dorso della mano con un dischetto imbevuto di struccante bifasico (Cils Demasq di MAYBELLINE N.Y.):

Come si può notare, rimane il tratto netto dell’eyeliner, un alone che sono riuscita a togliere dopo aver sfregato ripetute volte…un conto è sulla mano, un conto è sull’occhio, infatti, il risultato che ho ottenuto è stato un poco piacevole arrossamento della palpebra.

#04 Techno girl: dovrebbe essere un viola metallizzato, ma in realtà il colore è sbiadito. Dell’ effetto metallico va da sè che non ce n’è neanche l’ombra. In questo caso anche il pennellino è scarso, infatti rende difficoltosa l’applicazione (riga spessa, non uniforme)…Insomma una delusione su tutti i fronti. Ho provato a “rivitalizzarlo” utilizzandolo sopra ad una matita viola, ma l’effetto ottenuto non mi piace.

Qualcuna che legge ha provato questi prodotti? Come vi ci trovate? Delle altre colorazioni disponibili, qualcuna in particolare da lodare o sconsigliare?